Tra terra e cielo, le 30 vendemmie de La Tosa

Expo 2015 a 133 giorni dall’apertura
22 dicembre 2014
www.ristorazionecatering.it
Il Parmigiano Reggiano incoronato anche dai foodies
7 gennaio 2015
www.ristorazionecatering.it
image_pdfimage_print

Quanti primati possono vantare i fratelli Stefano e Ferruccio Pizzamiglio, proprietari de La Tosa, cantina e agriturismo collocati sui primi pendii della collina piacentina, in Val Nure nel comune di Vigolzone?
Sicuramente due, a parte le decine di riconoscimenti che arrivano da ogni parte del mondo: la licenza più vecchia di agriturismo in terra piacentina, fondato nel 1988, dove la cucina è frutto della terra. La seconda, e più importante, l’aver sdoganato a livello internazionale la Malvasia piacentina grazie a quella straordinaria concentrazione di sapori e profumi contenuti nel loro Sorriso di cielo, presentato al mercato nel 1991 e da subito eletto, da molti critici e appassionati, nel gotha dei vini che creano stupore. Prima di allora la malvasia piacentina era alla stregua, pur nobile, di vino da merenda. Dopo di allora, nella versione passita, è diventato un vino fortemente identitario della qualità piacentina.
Del resto, chi ha fatto un vin du garage, ovvero mille bottiglie di Gutturnio ricavate dalla prima vendemmia che Stefano Pizzamiglio  ha fatto nel 1985 – nello stesso anno in cui un altro uomo da garage, Steve Jobs, lanciava il rivoluzionario Macintosh – non può che essere mosso da indicibile passione. Quella stessa che lo ha portato a muoversi sempre tra terra e cielo.
Le passioni di Stefano Pizzamiglio in realtà sono, da tutta la vita, la poesia e il vino. In mezzo un inutile tentativo di razionalità con gli studi in medicina. Ma la testa è stata sempre lì: a 14 anni quando chiedeva ai genitori di deviare dagli itinerari vacanzieri per andare a vedere i vigneti in Borgogna; intorno ai vent’anni quando era autore e redattore di Niebo, la prestigiosa rivista di poesia fondata da Milo De Angelis; nel 1985 quando fece la prima delle trenta vendemmie, festeggiate pochi mesi fa.
Due passioni che Stefano riassume spesso nella metafora dell’aquilone: la poesia che ti estrania e ti porta a volare nei cieli azzurrissimi descritti da un altro grande poeta, Vladimir Majakovskij – Se nel cielo un arcobaleno penzola o è azzurrissimo/possibile che non desideriate che da sotto le bluse si spieghi finalmente un paio d’ali? –  e la terra, quella a cui voler bene come scrive Carlo Petrini nel suo ultimo libro.
Terra e cielo, vino e poesia, unite dal robustissimo filo di un aquilone.
Trenta vendemmie sono quelle che Stefano e Ferruccio Pizzamiglio hanno celebrato quest’anno, trenta esperienze uniche di cui far tesoro in un mondo che cambia ma che, per fortuna,  si nutre ancora di buone idee, buoni vini, buone persone. Basta andarle a cercare e la strada per La Tosa è un indirizzo sicuro.

Luigi Franchi

La Tosa
Via Chiesuola, loc. La Tosa
Vigolzone (PC)
Tel. 0523 870727
www.latosa.it

 

image_pdfimage_print