Cos’è il vero espresso italiano?

Ed è dalla Food Valley italiana che arriva il cattivo esempio
24 ottobre 2011
Edizioni natalizie per i prodotti Tre Spade
24 ottobre 2011
image_pdfimage_print

espresso-italiano-white-paper“Quando si parla dell’Espresso Italiano si intende solo la bevanda di 25 millilitri ottenuta in 25 secondi da 7 grammi di grani di una miscela qualificata macinati all’istante con un macinadosatore qualificato e trattati da un barista qualificato con una macchina professionale, anch’essa qualificata.” Una sintesi perfetta, quella di Luigi Odello, segretario generale dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano, per chiarire cos’è l’Espresso italiano in occasione della prossima edizione di Host, salone dell’ospitalità professionale in corso a Milano.
L’Istituto Nazionale Espresso Italiano ha realizzato un white paper in cui sono raccolte le opinioni di alcuni soci. Dal documento “Espresso Italiano, oggi e domani”, emerge la portata storica di questo momento. Mentre il mercato interno soffre ma tiene, l’estero si rivela sempre più una terra irrinunciabile. Questo tanto per i produttori di attrezzature per caffè, da sempre fortemente internazionalizzati, che per i torrefattori che mirano ad acquisire un approccio sempre più sistematico alle opportunità fuori confine.
Eppure è necessario diffidare dalle scorciatoie. “Mette un’ipoteca negativa sul suo futuro il torrefattore che non segue la tradizione e, in uno stato di miopia, si lascia sedurre da facili guadagni, proponendo miscele di cattiva qualità – commenta Luigi Odello, segretario generale dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano – E altrettanto sbaglia il costruttore di attrezzature che esita sul mercato macchine o macinadosatori non affidabili”.
“Negli ultimi due anni abbiamo visto alzarsi a dismisura i costi delle materie prime, fattore che ha costretto ad aumentare i prezzi dei prodotti che ci competono, e la si è fatta sempre più agguerrita – commenta Gianluigi Sora, presidente dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano – Qualità e innovazione sono la risposta ai momenti duri e l’andamento del mercato, in generale, sembra darci ragione: export e Italia stanno rispondendo bene a questi cardini che costituiscono la filosofia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano da sempre e se la ragione sta nei numeri, credo che stiamo dalla giusta parte”.

Per saperne di più: http://www.espressoitaliano.org/

image_pdfimage_print