Per diventare designer o scrittore, si passa dalla cucina

Vinodentro, il primo sorso in un film
19 febbraio 2014
“Grandi Panieri” di Agrifood
20 febbraio 2014
image_pdfimage_print

Il cibo avvicina, unisce, collega mondi diversi ma meno lontani di quanto possa sembrare ai meno attenti. E il ponte sono, sempre, le persone. Quelle curiose, attente, positive e propositive, ideatrici di belle e buone idee. Come quelle che vi raccontiamo qui.
Public Design Festival è il concorso internazionale giunto alla sua sesta edizione che si svolgerà a Milano dall’8 al 13 aprile 2014: il focus sarà la ristorazione di strada coniugata al vivere sociale contemporaneo in tutte le città del mondo. I partecipanti dovranno dunque sviluppare un design pubblico innovativo per ospitare le tante forme dello street food, con l’obiettivo che possa diventare una buona pratica per Expo 2015. Il bando scade il 28 febbraio 2014, il 10 marzo saranno resi noti i risultati e nel corso del Salone del Mobile di Milano si svolgerà il Public Design Festival: sono ancora in tempo a partecipare tutti i maggiorenni studenti di scuole d’arte, di design, di comunicazione, di Accademie, ma anche professionisti e artisti, sia singolarmente che in gruppo.
Per consultare il bando completo: http://www.publicdesignfestival.org/portal/IT/home/2014.php
Volete aprire un blog che parla di cibo, scrivere recensioni di ristoranti, proporvi come redattore di food and beverage: prima dovete però imparare la pratica del foodwriting. Maria Chiara Montera, la Maricler di The chef is on the table e la co-founder con Francesca Gonzales della (geniale) Foodie Geek Dinner, torna in collaborazione con Zandegù con due corsi di foodwriting, per la prima volta fuori Torino.
Il 15 marzo a Milano presso Capra e Cavoli (Via Pastrengo 18) dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18: il corso costa 130€ e le iscrizioni si chiudono il 7 marzo.
Il 5 aprile si va a Rimini per 7 ore di full immersion al Ristorante Teatini (Piazzetta Teatini 3): sempre 130€ e le iscrizioni chiudono il 28 marzo.
I corsi saranno in pieno stile Maricler: divertenti ma concreti, e utilissimi per imparare l’ABC da usare quando si scrivono recensioni, interviste, articoli per web e carta.
Tutte le informazioni su Milano a questo link, per Rimini seguite questo.

Sempre di scrittura e di cibo vi raccontiamo, ma ci spostiamo a Vicenza, dove dal 10 febbraio è iniziato Mangia e Scrivi, il corso di scrittura creativa con cucina tenuto dal giornalista, scrittore e blogger Pietro Rossi con la personal chef Anna Indri Raselli: le serate in tutto sono 8, una volta alla settimana dalle 19.30 alle 22.30 ma siete ancora in tempo a iscriversi. Si mangia qualcosa insieme, si beve buon vino, si scrive imparando da Rossi i trucchi del mestiere. Il corso ha un costo complessivo di 300 euro, comprese le cene e il materiale di didattico. Per info ed iscrizioni: annaindri@hotmail.com oppure 338 6807177. Questo il succulento programma: 1a LEZIONE. La pagina bianca: la nascita del racconto. Ognuno è il narratore di sé stesso: la storia è già dentro di noi. 2a LEZIONE. Uno sguardo all’esterno: come prendere spunto dalla realtà. La tela del ragno: come strutturare un racconto. 3a LEZIONE. E pur si muove! Rendere credibile la psicologia del personaggio. Guardalo crescere: come identificarsi col personaggio. 4a LEZIONE. Che te lo dico a fare? Costruire un dialogo. Io, tu, noi, tutti: focalizzare il punto di vista. Entri in una stanza, esci in una prateria: l’ambientazione. 5a LEZIONE. Incipit, questo (s)conosciuto. Ogni cosa danza: il ritmo del racconto. Acer in fundo, dulcis in fundo: il finale. 6a LEZIONE. D’amore e d’altre sciocchezze: il romanzo rosa. I sospiri degli altri: il romanzo erotico. 7a LEZIONE. Verso l’infinito e oltre: fantasy e fantascienza. Attenzione al maggiordomo: il racconto giallo. Brividi e affini: il thriller. 8a LEZIONE. La piuma d’oca: scrivere per far ridere. L’arte di crescere: il romanzo di formazione. ‘O famo strano: le trame non convenzionali.

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print