Artour.Toscana.it: il meglio di una regione in un click

Marchesi: “Innamorarsi è un bel gioco che può cambiare la vita”
3 febbraio 2014
Al telefono con Stefania Corrado, multitasking chef molto ma molto “black”
3 febbraio 2014
image_pdfimage_print

Per un fine settimana all’insegna del bello e del buono, dove la ricerca dei sapori autentici e delle eccellenze enogastronomiche toscane si affianca al desiderio di scoprire e conoscere i migliori lavori dell’artigianato locale, non resta che visitare www.artour.toscana.it e scegliere uno dei tanti (novantotto per l’esattezza!) itinerari possibili.

Meticolosamente preparati da ARTEX Centro per l’Artigianato Artistico della Toscana, che dopo aver curato la selezione degli artisti-artigiani ha mappato con Google maps circa trecento laboratori e botteghe di artigianato, tutti gli itinerari proposti sono completi di mappe dettagliate, schede descrittive, indirizzi sempre aggiornati, fotografie, video e ulteriori indicazioni relative alle tipologie di percorso (pedonale o automobilistico) da poter affrontare.

Sarà dunque facilissimo raggiungere le antiche telerie Busatti nella zona di Anghiari (Arezzo), così come le rinomate cristallerie di Colle Val d’Elsa (Siena), l’Argenteria Foglia e i laboratori orafi di Tommaso Pestelli a Firenze.

Si potranno visitare la Rameria Mazzetti di Montepulciano in Val d’Orcia – dove vengono prodotte anche le pentole, i paioli e gli utensili da cucina per Gualtiero Marchesi – e quella degli Antichi Mestieri a San Quirico.

Con gli itinerari Artour.Toscana.it sarà interessante scoprire i segreti delle ceramiche firmate da La Gabbianella di Monte S. Quirico, a due passi da Lucca, così come quelli dei prodotti realizzati dall’Azienda agricola Croco e Smilace di Canneto San Miniato (Pisa), tutti derivati dalla lavorazione dello zafferano, delle piante officinali e del rabarbaro con il miele, il cioccolato e le confetture. Da non perdere, infine, gli storici mulini con movimento ad acqua – come il Molino F.lli Grifoni, noto per la produzione di farina di granoturco e di castagne – e i pastifici artigiani, fra cui quello della “Famiglia Martelli” a Lari (Pisa), che produce esclusivamente quattro formati tradizionali utilizzando solo grani duri italiani, secondo un processo produttivo molto rigoroso.

Per finire il tour in dolcezza, sarà piacevole fermarsi ad assaggiare i biscotti e le torte dei “Sapori del Lago Nero” a Cutigliano (Pistoia) o anche entrare da “Dolci Tradizioni” nel centro storico di Grosseto, un forno laboratorio e graziosissima bottega, dove trovare tutti i più antichi e gustosi dolci maremmani.

Lucrezia Caravita

image_pdfimage_print