Bollicine zero alcol dall’Italia all’Oriente

Con Cibus aumenta l’export dell’industria alimentare italiana
7 marzo 2012
Pellegrino Artusi in mostra alla Statale di Milano
8 marzo 2012
image_pdfimage_print

bollicine-zero-alcolIn Italia le bollicine zero alcol a tutt’oggi non sono riuscite ad affermarsi, ed è comprensibile considerata la forte tradizione e cultura enologica diffusa nel nostro paese. I bar che servono spumanti analcolici si contano sulle dita delle mani perché – dicono gli esercenti – “nessuno li richiede, gli astemi e i neopatentati bevono bevande analcoliche”.
Eppure negli ultimi anni vi sono imprenditori italiani che decidono di produrre queste tipologie di prodotto, con ambiziosi obiettivi commerciali che puntano ai mercati internazionali, strizzando l’occhio, naturalmente, a quello di bandiera.
Tra questi Renato Delle Valle e Ennio Doris, che hanno investito nel Winezero, lo spumante alcol free in lattina, nella convinzione che oltre al target giovanile, perlopiù donna, possa rivolgersi anche agli automobilisti con il nuovo Codice della strada. L’obiettivo commerciale è ambizioso: riuscire a coprire entro fine anno 50 Paesi grazie ad un capillare network di distributori internazionali.
L’azienda trevigiana Iris Vigneti, guidata da Isabella Spagnolo che, insieme al marito Loris Casonato ha inventato “Isabella Ice” lo spumante a zero gradi realizzato con l’uva del Prosecco.
Il nome le è stato dato dalla sua inventrice e produttrice, Isabella Spagnolo, titolare con il marito Loris Casonato. Insieme hanno pensato di creare uno spumante completamente analcolico, protetto da brevetto internazionale, puntando soprattutto ai paesi musulmani che, secondo i precetti fondamentalisti della loro religione, non possono fare uso di alcol. L’azienda esporta 500 mila bottiglie all’anno, di cui il 60% nei paesi del Medio Oriente attraverso una società turca che distribuisce oltre che in Turchia anche in 27 paesi musulmani e arabi. Il packaging è elegante ed in linea con lo stile italiano degli spumanti di alta gamma.
Altro prodotto di successo è il “LIDA DIVA”, lo spumante alcol zero che la società Colonnare Sca di Cupramontana (AN), ha lanciato al salone di GULFOOD di Dubai nel 2011 ottenendo un successo inaspettato dovuto all’eccellente qualità del prodotto, realizzato con mosto d’uva al 100% non fermentato da uve tipiche marchigiane come verdicchio, bianchello, passerina e pecorino, selezionate rigorosamente da “coltivazione biologica. “Lida Diva” è uno spumante che si distingue per qualità, gusto e genuinità ed è molto gradevole a tutte le ore del giorno, adatto a tutte le età e per ogni occasione, ed accompagna bene ogni tipo di cibo. “Lida Diva” esalta il suo gusto pieno e fruttato se bevuto freddo ad una temperatura intorno ai 2/4 gradi. Per “Lida Diva” è stato un susseguirsi di successi, con le varie esposizioni, VINITALY prima e all’ultima edizione di TUTTOFOOD, ha finalizzato ordini in quasi tutto il mondo ed è stata richiesta dai Gourmet della Royal Family di Dubai e di quella Saudita. Recentemente ha debuttato in Italia e si appresta ad invadere tutta l’Europa.

image_pdfimage_print