La Cina diventa il primo mercato alimentare al mondo

Cento Mani di Questa Terra, le battute finali dei partecipanti all’evento
10 aprile 2012
Un’idea di cucina dopo Cento Mani di Questa Terra
10 aprile 2012
image_pdfimage_print

cina-primo-mercato-alimentareAlla fine degli anni ’90, nelle classifiche del turismo internazionale la Cina era intorno al 50° posto e gli analisti prevedevano che entro il 2015 sarebbe arrivata al 15°; nel 2010 superava la Francia, raggiungendo la quarta posizione per spesa turistica all’estero. Ed ora un nuovo primato. Secondo i dati rilevati da Igd, gruppo inglese di ricerca specializzata nel comparto alimentare, il mercato cinese è il primo per consumi alimentari, superando quello degli Stati Uniti; i cinesi nel 2011 hanno speso 607 miliardi di sterline per il cibo, rispetto ai 572 miliardi del mercato statunitense.
E le stime prevedono che, entro il 2015, la Cina arriverà alla cifra di 918 miliardi rispetto ai 675 degli Stati Uniti; in pratica un tasso di crescita del 10,9% rispetto a quello del 4,2%.
“La crescita della Cina nel mercato del cibo è fenomenale – commenta Joanne Denney-Finch, Amministratore Delegato di Igd. Tra il 2006 e il 2015 il mercato alimentare cinese dovrebbe triplicare di valore, arrivando a quasi 1 trilione di sterline. Questa rapida espansione è legata a tre fattori principali: la rapida crescita economica, la popolazione in aumento e la crescente inflazione sui prodotti alimentari”.

Entro il 2015, secondo le previsioni Igd,  i paesi cosiddetti Bric (Brasile, Russia, India e Cina) diventeranno i primi mercati di generi alimentari al mondo. “Tutte le nazioni Bric – prosegue Denney-Finch – stanno costantemente crescendo in termini di valore e sono destinate entro il 2015 a dominare le prime posizioni del mercato alimentare”.
Proiezioni e dati di questo genere aprono ogni volta una riflessione profonda sull’assetto della Terra, in cui il problema del land grabbing e di uno sfruttamento senza regole della terra diventano argomenti da portare in massima evidenza. Ovviamente è un diritto garantire finalmente il cibo quotidiano a tutti, ma proprio per questo la produzione alimentare deve essere affrontata e governata rispettando il fragile equilibrio del pianeta.
Luigi Franchi

image_pdfimage_print