Nuovo Network Pan-Europeo contro i rifiuti ambientali

Life Italia socio sostenitore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo
14 gennaio 2013
Benvenuti tra le pagine di “Ristorazione & Catering”
15 gennaio 2013
image_pdfimage_print

L’iniziativa vincente di Pack2Go Europe, l’associazione di aziende europee leader nel settore packaging alimentare.

Prevenire significa in prima istanza comprendere. E per comprendere un fenomeno, un processo, un’attività, occorre attenzione esperienziale costante. Sono queste le considerazioni di fondo che hanno avviato alla formazione nel nuovo Network Pan-Europeo, una realtà che unisce le maggiori organizzazioni leader nel settore della prevenzione dei rifiuti ambientali, allo scopo di sensibilizzare attivamente e in modo continuo e regolare, attraverso campagne specifiche, il comportamento di tutti i cittadini europei nei riguardi dell’abbandono dei rifiuti. Qualche settimana fa quindici di queste organizzazioni si sono incontrate a Bruxelles per mettere in agenda l’iniziativa “Puliamo l’Europa” che, a partire dal 2014, si ripeterà annualmente: la conferenza è stata organizzata da Pack2Go Europe, un’associazione di aziende europee leader nel settore del packaging alimentare che collabora regolarmente con il Foodservice Packaging Institute in Nord America.

Le attività del nuovo Network si baserebbero dunque sulla condivisione delle migliori pratiche preventive, sulla creazione di programmi educativi rivolti alle istituzioni e sulla divulgazione di documenti informativi. Tony Waters, Presidente di Pack2Go Europe, ha affermato: “I rifiuti gettati per strada sono una risorsa che finisce nel posto sbagliato. È importante comprendere meglio sia le problematiche comportamentali, sia la mancanza di infrastrutture che contribuiscono al loro impatto. Nonostante gli imballaggi alimentari non siano una componente predominante dei rifiuti, Pack2Go Europe intende impegnarsi con chiunque lavori per ridurre l’abbandono di rifiuti in natura. Tutti noi dobbiamo iniziare a identificare pratiche chiare che possano essere utilizzate per aiutare l’Europa a fare ordine.”
Il Commissario Europeo per l’ambiente, Janez Potočnik, si è detto soddisfatto di tale impegno condiviso, la prima vera opportunità per ogni paese europeo di cooperare per migliorare nel lungo termine l’approccio al problema dei rifiuti ambientali. “Gli imballaggi alimentari sono prodotti usando preziose materie prime quali la plastica o la carta ed è uno spreco non riutilizzarle, sia per la produzione di energia sia mediante il riciclaggio, operazioni che possono attivamente ed efficacemente allungare il ciclo di vita di un prodotto” ha ricordato Jan Schürmann, membro del Consiglio di Amministrazione di Pack2Go Europe, a nome di tutti i produttori di imballaggi alimentari monouso membri dell’associazione: Amhil Europa Sp. z o.o., Burrows BV, C.E.E. R.Schisler, Delta Print & Packaging Ltd., DeSter BVBA , Dopla S.p.A., EDV Packaging, Flo S.p.A., Huhtamaki Foodservice, I.L.P.A. srl – Divisione ILIP, International Paper Foodservice Europe Ltd., Nupik Internacional SL, Paper Machinery Corporation (USA), Medac s.r.l., Papier Mettler, Seda Group, Solo Cup Europe, Smith Anderson Group Ltd., Stora Enso Oyj, Suomen Kerta Oy, SwissPrimePack AG.

L’inizio dei lavori per il lancio del network avverrà nel primo trimestre 2013, raccogliendo le adesioni di tutte le organizzazioni europee coinvolte: An Taisce, Der GrünePunkt (DSD), Fost Plus, Gemeente Schoon, Irish Business Against Litter, Keep Britain Tidy, Keep Scotland Beautiful, Keep Sweden Tidy, Keep Baltic Tidy, Keep the Archipelago Tidy Finland, Keep the Estonian Sea Tidy Estonia, Pro-S -Pack, OVAM Belgium, Nederland Schoon e Vacances Propres, Interessegemeinschaft für eine Saubere Umwelt (IGSU)(Svizzera), Keep Denmark Tidy, Keep Norway Clean, Keep Wales Tidy, Let’s Do It! (organizzazione internazionale promotrice di giornate in stile “Puliamo il Mondo”), Naturschutzverband Deustschland (NABU) (unione per la conservazione della natura e della biodiversità in Germania), Tidy Northern Ireland e l’associazione delle autorità locali in Germania (VKU).

 

Alessandra Locatelli

image_pdfimage_print