Q-Qualivita: il marchio di certificazione volontaria per i ristoranti

Gli eventi del buon cibo e del bere bene
21 maggio 2012
Nasce clubape.it, il portale dell’aperitivo
21 maggio 2012
image_pdfimage_print

qualivitaArriva tra i ristoranti un nuovo marchio: si chiama Q-Qualivita, è stato elaborato dalla Fondazione Qualivita per la certificazione volontaria delle aziende operanti nell’ho.re.ca. e verrà concesso “alle imprese del settore che rispondono ai requisiti di comunicazione trasparente, attenzione al consumatore, valorizzazione dei prodotti di qualità, codificati nel disciplinare e nel regolamento per l’uso del marchio”.
La conformità del ristorante ai requisiti del marchio è affidata al CSQA Certificazioni s.r.l., che dovrà verificare i tre obiettivi prioritari dello Standard Qualivita:

1.    Comunicazione trasparente: veridicità della comunicazione effettuata dall’azienda e completezza e correttezza delle informazioni fornite attraverso la pubblicità sui media e all’interno dei locali, siti web e social network.
2.    Attenzione al consumatore: cura dell’accoglienza del cliente e risposta alla richiesta di informazioni e alla segnalazione di reclami nel punto di somministrazione del pasto.
3.    Valorizzazione dei prodotti di qualità: promozione e incentivazione del consumo dei prodotti agroalimentari di qualità somministrati e impegno a non utilizzare prodotti “simil” DOP/IGP. Promozione dei principi di una corretta e sana alimentazione e dei vantaggi della dieta mediterranea.

“Con questo strumento abbiamo voluto dare un supporto al mondo produttivo ma anche far capire alla gente la differenza che c’è tra un prodotto certificato e uno che non lo è”, ha spiegato Mauro Rosati, segretario generale di Qualivita, sottolineando che in Italia 21 milioni di persone consumano ogni giorno un pasto fuori casa. Nei ristoranti che aderiscono ai criteri sarà possibile ricevere informazioni relative ai prodotti DOP IGP attraverso materiale divulgativo realizzato dalla Fondazione Qualivita. Alla presentazione del marchio si è aggiunta anche quella dell’Atlante Qualivita Food&Wine, che, suddiviso in due volumi, raccoglie moltissime informazioni sul mondo delle produzioni italiane registrate come DOP, IGP e STG e accompagna il lettore attraverso un percorso tra le vigne del paese, con 243 schede descrittive nel volume Food e 521 schede nel volume Wine. “Con questa pubblicazione ho voluto aprire uno spartiacque tra produzione certificata e produzione non certificata”, ha evidenziato Rosati, che è anche l’autore dell’Atlante.
Per saperne di più: www.qualivita.it

image_pdfimage_print