Stefano Marotta ai vertici di Unionalimentari

Alla ricerca del pizzaiolo qualificato
16 aprile 2013
Guida Chic 2013, presentazione a Napoli
16 aprile 2013
image_pdfimage_print

Stefano Marotta, amministratore unico di Areaquattro s.r.l., è il nuovo presidente nazionale di Unionalimentari, L’Unione Nazionale delle piccola e media Industria Alimentare, presieduta per otto anni dall’ing. Renato Bonaglia, al termine del suo secondo mandato.

In seguito, il Consiglio Generale UnionAlimentari, su proposta del Presidente ha approvato le seguenti nomine a Vice-presidente, eletti quindi membri della Giunta di Presidenza, i signori: Gianguido Bernardoni, Silvio Cola, Claudio Cosanni, Renato Bonaglia, Giorgio Zubani. Il sig. Giorgio Zubani è stato anche riconfermato nel ruolo di Tesoriere dell’associazione.

Il Presidente Stefano Marotta al termine del consiglio precisa: “Ritengo innanzitutto doveroso ringraziare il Presidente Bonaglia per l’impegno che ha profuso alla guida della nostra Unione in questi anni, ma anche tutti i Vice Presidenti che si sono prodigati nel corso del suo mandato. Il gruppo di giunta che abbiano nominato oggi non vuole costituire un nucleo ristretto ed in merito avremo senz’altro modo, nei mesi che seguiranno, necessari per l’avvicendamento ed il passaggio delle consegne, di coinvolgere altri imprenditori capaci e lungimiranti che fanno parte del nostro sistema associativo.

“Il ruolo di rappresentanza – prosegue Marotta – a cui siamo chiamati in questo momento storico ed economico ci pone di fronte a sfide sempre più impegnative per l’industria manifatturiera, e l’obiettivo su cui molte delle nostre realtà dovranno concentrarsi è sicuramente il mercato estero che offre grandi opportunità di crescita, avviare quindi una vera e propria stagione di internazionalizzazione per le nostre imprese associate. Senza dimenticare che il prossimo Governo dovrà compiere scelte forti anche con il supporto del mondo imprenditoriale, essendo a nostro parere indispensabile individuare alcuni settori che garantiscono competitività sul mercato globale, per lo sviluppo economico del nostro paese, e l’industria alimentare è senza alcun dubbio uno di questi. Il ruolo della nostra struttura e dei singoli imprenditori che ne fanno parte deve essere quello di costruire una rete reale in modo che lo scambio di informazioni possa contribuire alla crescita di tutti”.

“Chiaramente il nostro impegno sarà, nel segno della continuità con quanto abbiamo già fatto, – puntualizza il neopresidente – anche verso il rapporto con gli attori della filiera – GDO e Agricoltori in primis – al dialogo costante e costruttivo con le istituzioni nazionali e comunitarie, al contratto collettivo per i lavoratori ed all’applicazione delle norme cogenti e volontarie in campo alimentare. Ringrazio il Consiglio Generale per questa fiducia in un momento particolarmente travagliato e di difficoltà per tutta l’economia, ma sono certo che non sarò solo e che faremo del nostro meglio a tutela delle nostre imprese, dei nostri collaboratori e delle loro famiglie”.

 

image_pdfimage_print