Un’Ora da Re per King of Catering

La bottegadeiportici nella Bologna del gusto
23 ottobre 2013
Unica per mozzarelle
24 ottobre 2013
image_pdfimage_print

L’11 novembre è conosciuto come il giorno di San Martino, momento nel quale scadevano i contratti di affitto e lavoro nei campi e, molto spesso, obbligavano intere famiglie ad affrontare faticosi e incerti spostamenti. Forse è una coincidenza ma che sia stata scelta la data dell’11 novembre, giorno di San Martino, per dare il via alle iscrizioni della prossima edizione di King of Catering, concorso che valorizza e aziende del banqueting, porta immediatamente a pensare all’aspetto più identificativo di questa professione: quello dello spostamento e del tempo.

Se poi, in occasione della presentazione in anteprima dell’edizione 2014 del concorso ideato dall’agenzia La Buccia, a fare le veci di padroni di casa, nello splendido edificio della Fonderia Napoleonica di Milano, sono i titolari de La Fenice Catering di Faenza con i quali la conversazione inizia e termina sul valore della provincia come connotato forte dell’Italian style, vien da pensare che questo non sia troppo una coincidenza. Ma ciò che davvero conta è la parola chiave che identifica questa azienda: trasparenza.

“Siamo nati esattamente vent’anni fa e il nostro primo servizio di catering lo facemmo per la sede Enimont di Imola. – ricordano i titolari de La Fenice, tre romagnoli schivi e gran lavoratori – Venivamo da un mondo agricolo che si affacciava alla ristorazione, ma senza esperienza nel settore del banqueting. E partire da Faenza alla conquista dei mercati era forse una scelta dettata dall’incoscienza. Ma non ci siamo tirati indietro”.

Difficile a credersi se, vent’anni dopo, la società è arrivata a gestire fino a 52 catering di oltre 500 persone in contemporanea nelle 20 regioni italiane. Ma questa è l’Italia operosa, che lavora e dà lavoro: “Possiamo contare su oltre 140 persone che lavorano per noi, tutte regolarmente assunte. – racconta la nuova generazione dell’azienda, Enrico Caldesi – Personale che condivide con noi da almeno una decina d‘anni ogni straordinaria avventura. Inoltre ci avvaliamo di nuove figure grazie ai rapporti molto solidi che abbiamo con gli istituti alberghieri in ogni parte d’Italia”.

Ma il fascino di questo lavoro sta anche nella creatività che, se non si esplica più di tanto nel cibo – “Facciamo da mangiare per persone che non ordinano e quindi non possiamo sbilanciarci troppo con la fantasia” – diventa metro di misura e motore economico per tutta una serie di artigiani che lavorano per la creazione di un banchetto: artigiani del gusto, ma anche del design applicato agli oggetti che compongono l’evento.

“Molte aziende che producono oggetti per la tavola si avvalgono delle nostre richieste per dare vita successivamente a produzioni su larga scala” racconta Enrico.

Lo scorso anno sono stati i vincitori di King of Catering, il concorso che ogni anno premia le migliori aziende del settore a Taste, la manifestazione dedicata alle eccellenze del gusto organizzata a Firenze nel mese di marzo.

“Quest’anno ci sarà anche un nuovo allestimento dello spazio dedicato a King of Catering – spiega Andrea Corti de La Buccia – che consentirà di celebrare al meglio questo settore e queste aziende che rappresenta, meglio di ogni altro, l’evoluzione sociale e del costume”.

Alla Fonderia Napoleonica La Fenice ha messo in scena un’Ora da Re. Autentica! A Taste le aziende di catering trasformeranno il tutto in giorni da Re. Per questo l’invito che rivolgiamo loro è di iscriversi, gratuitamente compilando il format sul sito di King of Catering.

Luigi Franchi

image_pdfimage_print