Olio Officina Festival presenta l’olio del futuro

Aperte le iscrizioni per S.Pellegrino Young Chef 2016
14 gennaio 2016
sala&cucina, per condividere
14 gennaio 2016
image_pdfimage_print

“Il mio obiettivo è svecchiare la tradizione quando viene intesa e vissuta come fissità. E la provocazione dell’avanguardia come tema portante di questa quinta edizione di Olio Officina Festival si muove proprio in questa direzione: dimostrare che l’olio ha un futuro che passa attraverso la ricerca e la corretta informazione”. Con queste parole Luigi Caricato ha illustrato il programma della prossima edizione di Olio Officina Festival, ribadendo che ciò che lui ha ideato “non è una fiera, ma un festival dove si fa cultura dell’olio”.

luigi_caricato copia
Il programma di questa edizione è particolarmente ricco e, nei due giorni del Festival – venerdì 22 e sabato 23 gennaio, al Palazzo delle Stelline in Via Magenta a Milano – l’olio si presenterà sotto molteplici forme: dall’arte al cibo, dalla letteratura agli show cooking di grandi cuochi proposti dal gruppo Olitalia.

DEGUSTAZIONE_OLI_IMG_0042 copia 2
Tra le aree tematiche ci piace infatti segnalare la presenza, in uno spazio dedicato, alle performance di cinque cuochi (rappresentanti, tra l’altro, delle associazioni più conosciute del settore) – Fabrizio Ferrari, Maurizio Urso, Pasquale Torrente, Massimiliano Mascia e Roberto Carcangiu – alle prese con la gamma di oli e aceti balsamici di Olitalia e Acetaia Giuseppe Cremonini, in altrettanti cooking show da cui emergerà una visione innovativa dell’uso in cucina di questi condimenti.
CARTOLINA_OOF_2016_2
Ma non mancano altri momenti significativi di questa edizione dove si vuole fare il punto e determinare un’inversione di tendenza sull’economia dell’olio; “Rispetto agli altri Paesi produttori, l’Italia si è fermata, non produce la quantità d’olio sufficiente per la propria autonomia. Un tempo, negli anni ’60 dello scorso secolo, rappresentavamo una quota produttiva mondiale del 30%, oggi invece tale quota si è ridotta al 15%. Abbiamo un ruolo ibrido e ambiguo e ci è mancato il coraggio di raccontare la nostra identità. Non piantiamo più nuovi olivi e si assiste nel contempo a un progressivo abbandono della coltivazione. E’ arrivato il tempo della riflessione.

visitatori_ olio officina copia 2

Occorre cambiare corso al nostro futuro per una nuova visione di fare impresa” afferma Luigi Caricato e, ad Olio Officina Festival, ne parlano gli analisti Mauro Meloni e Massimo Occhinegro.

Il programma dell’intera manifestazione è consultabile qui

Luigi Franchi
luigifranchi@salaecucina.it

 

 

image_pdfimage_print