La Robiola di Roccaverano Dop e il progetto di speranza del territorio
23 Marzo 2020
Rana aumenta gli stipendi del 25% ai dipendenti
24 Marzo 2020

COVID-19 – Manifesto del comparto Ho.re.Ca

Riceviamo, sottoscriviamo e pubblichiamo questo appello firmato da alcune, tra le principali, associazioni di ristorazione.

Associazione Cibodimezzo (Brescia)

APCI – Associazione Professionale Cuochi Italiani (Nazionale)

Ri.Un Ristoratori Uniti (Monza e Brianza)

Con il supporto di AMPI – Accademia Maestri Pasticceri Italiani, Associazione Le Soste, Club Richemont, JRE Italia – Jeunes Restaurateurs d’Italia, Associazione Pizzaiuoli Napoletani

vista l’attuale situazione economica conseguente alle misure per COVID-19, si adoperano affinché si operi nella giusta direzione con azioni concrete per salvare un settore che si ritiene possa essere protagonista primario della ripresa economica.

Pertanto, invitano tutti gli operatori del settore, i produttori, i clienti dei ristoranti, i turisti che spesso hanno potuto godere dell’accoglienza dei loro locali e dei loro professionisti a

firmare e condividere la presente petizione per

CHIEDERE

AL GOVERNO ITALIANO di intervenire attraverso le seguenti azioni immediate e quelle che successivamente si renderanno necessarie per la ripresa del mercato.

  • RICHIESTA AZIONI IMMEDIATE:
  1. Unione, condivisione e proattività;
  2. Sostegno integrale da parte dello Stato e della Comunità Europea, per tutto il tessuto delle PMI (codice 56) e artigiani food&beverage, attraverso le seguenti azioni concrete:
  1. Blocco integrale di tassazione, oneri e contribuzioni previdenziali e assistenziali (sino all’accettabile ripresa del mercato e comunque non prima del 30 dicembre 2020);
  • Ricorso al credito agevolato da parte degli istituti finanziari (con interessi fissi e non superiori al 2%), considerando la solidità dell’impresa in base alla produttività effettuata nel 2018 e 2019, nonché accesso al Microcredito con specifiche agevolazioni per il settore alimentare e della ristorazione;
  • Riconoscimento dello stato di pandemia nazionale e quindi di calamità, per fruire dei risarcimenti previsti dalle attuali polizze assicurative;
  • Garantire il punto di pareggio alle aziende o sospendere immediatamente qualsiasi effetto prodotto da obbligazioni assunte contrattualmente, siano esse di natura pubblica o privata.
  • RICHIESTA AZIONI PER LA RIPRESA DEL MERCATO (da attuare a partire dalla sospensione delle attuali misure di contenimento):
  1. Riduzione del 35 % della contribuzione previdenziale sul lavoro subordinato, prevedendo crediti di imposta da utilizzare per nuove assunzioni e/o per l’impiego di lavoratori svantaggiati;
  2. Detassazione e decontribuzione degli straordinari e dei benefits;
  3. Inserimento di parametri qualitativi in sostituzione di quelli quantitativi nella contrattazione centrale e periferica;
  4. Attuazione di una significativa semplificazione dei rapporti tra il comparto alimentare e la P.A. (ed Enti Locali) per quanto riguarda l’applicazione delle disposizioni in tema di HACCP, DVR, SIAE, GDPR, privilegiando l’utilizzo di procedure informatiche e telematiche per ogni tipo di autorizzazione e procedura;
  5. Coinvolgimento attivo delle realtà imprenditoriali locali nelle scelte strategiche per la riqualificazione o espansione urbanistica e nell’erogazione di sovvenzioni pubbliche;
  6. Attivazione di specifici sportelli pubblici (anche mediante servizi on line) per consulenza alle PMI in relazione agli aspetti concreti e operativi di applicazione delle norme che impattano sul settore.
  7. Predisposizione di protocolli per la comune interpretazione delle disposizioni, così da evitare applicazioni non uniformi sul territorio nazionale.
  8. Coinvolgimento degli organi ispettivi per attività di supporto e non solo di controllo;
  9. Istituzione di un unico sito nazionale per la pubblicazione di bandi e concessioni di beni dello Stato, degli Enti locali e del demanio, con una sezione dedicata al comparto;
  10. Valorizzazione del Made in Italy e apertura di un tavolo di lavoro con i distributori e fornitori del comparto ristorazione, in modo da individuare insieme le migliori strategie per superare le difficoltà economiche.

Firma qui la petizione http://chng.it/Fkx5J2HmGx

Print Friendly, PDF & Email