La pizza che ha cambiato il volto della Sanità: l’ esperienza da Ciro Oliva
20 Dicembre 2019
ANCO lancia la “Carta dell’Accoglienza delle Città dell’Olio”
23 Dicembre 2019

Idee per valorizzare le tavole delle festività


La tavola ci riunisce, ci fa ancora condividere. Lo fa abitualmente ma in certe occasioni di più.
Con questo spirito e con l’intento di regalarvi un’atmosfera calda, avvolgente, ci siamo immersi in Tavole Creative, la riuscita iniziativa che Sandra Grasselli di Momenti in villa ha organizzato insieme a Paola Caprari, nello splendido scenario di Villa Palazzina di Scandiano, che è anche sede dell’elegante Osteria in Scandiano.
Un pomeriggio dedicato alla mise en place e anche un’occasione per imparare a riutilizzare ciò che si è accantonato da tempo, attualizzandolo con qualche elemento di modernità.
Quattro tavole per quattro diversi stili: moderna, chic, classica e barocca. Proprio quest’ultima con la sua tovaglia di pizzo al tombolo e piatti profilati in oro zecchino, stemperati da lineari calici moderni, ci ha restituito il senso di maggiore solennità.
“Valorizziamo i nostri preziosi corredi di famiglia, realizzati da sapienti mani – questo è il monito di Sandra e Paola -. Non teniamoli chiusi in un cassetto per timore di rovinarli o perché più noiosi da stirare. L’effetto che ci sanno regalare, l’atmosfera che creano è impagabile.


In questa mise en place abbiamo utilizzato una preziosa tovaglia, gioiello d’artigianalità, piatti di trent’anni fa acquistati in un mercatino, posate d’argento, portafrutta in argento e candelabri del padrone della villa, Corrado Ferretti.
Per stemperare, siamo ricorsi a qualche tocco moderno, e qui è venuta in soccorso Cristina  Ranato di Stile e Tavola, che ha messo a disposizione i bicchieri per l’acqua ad hoc per l’apparecchiata, e l’Osteria di Scandiano che ha fornito i calici. In questo caso sono stati cinque partner a supportarci nell’iniziativa, diversamente avremmo integrato con l’acquisto di alcuni pezzi mancanti. Lo spunto vuole essere di non comprare necessariamente tutto ma, partendo da ciò di cui si dispone, fare acquisti mirati per mixare”.
A questo punto il pensiero si allarga: quanti ristoratori dispongono di raffinato tovagliame nonché preziose batterie di piatti o bicchieri o cloche che hanno accantonato come desueti?
Uno o più di questi pezzi, sempre più rari da vedere, potrebbero personalizzare le tavole dei ristoranti conferendo quel tocco di classe o quel senso di vintage tanto apprezzato, nei più diversi contesti, da qualche anno a questa parte!
Con questo pensiero, dedicato a tutti voi, come sala&cucina vi auguriamo guizzi creativi in questa lunga staffetta di festività!

Simona Vitali

credits: Gianguido Giglioli

Print Friendly, PDF & Email