Da Contadi Castaldi la convention di RZ Service
19 Settembre 2019
Caltagirone: la Sicilia di Patti e Colonnetta al Ristorante Coria
20 Settembre 2019

Il Buon Ricordo guarda all’Europa

C’è un appuntamento a cui l’Unione Ristoranti del Buon Ricordo non manca mai: l’affollato Salone del Camper con il suo popolo di viaggiatori per eccellenza, quelli che nel territorio ci entrano a stretto contatto.
Pullula di visitatori lo spazio allestito dal Buon Ricordo -segno che il connubio è centrato- che in questa occasione specifica sta distribuendo una card da riempire con 10 cene per omaggiarne una. Un incentivo a sperimentate diverse cucine per chi è sempre in viaggio su quattro ruote.


L’occasione è particolarmente opportuna per far conoscere il calendario di iniziative dell’associazione, per bocca dell’effervescente segretario Luciano Spigaroli “cresciuto – come gli piace dire – a pane, culatello e Buon Ricordo”.
“Siamo in contatto con ristoranti di diversi paesi europei per farli entrare in associazione: vogliamo creare un circuito della cucina italiana in Europa”. Vagliare l’italianità fuori dall’Italia, individuare chi davvero la rappresenta e farsene garanti è un’operazione alta, a cui l’intero comparto non può che dire grazie.
“C’è un ritrovata motivazione  al nostro interno e lo dobbiamo anche ai nuovi ingressi” prosegue Luciano indicando Cristina Cerbi e Luca Caraffini dell’Osteria di Fornio (Fidenza) e Angelo Cammarata del ristorante La Forchetta (Parma), in rappresentanza degli altri colleghi dell’associazione.
“ Io e mio marito siamo cresciuti con il mito del Buon Ricordo – racconta Cristina – nella nostra zona abbiamo avuto ristoranti importanti che vantavano questa appartenenza. Oggi per noi è una gioia esserci e una ricchezza l’interagire con colleghi di tutta Italia”
Annuisce Angelo, anche lui ci crede “la possibilità di confrontarci, e siamo in tanti, è uno stimolo non indifferente a fare sempre meglio”.  
L’autunno al Buon Ricordo ha in serbo la formulazione di uno speciale menù dedicato alla cipolla, che ogni ristorante declinerà a suo modo. Il 25 novembre, l’ appuntamento è presso l’Ambasciata d’Italia a Parigi in occasione della settimana della cucina italiana nel mondo.
Il 3 dicembre verrà presentata la nuova guida a Milano, alle Officine del volo. Lì si conosceranno i nuovi associati.
“Stiamo lavorando a un evento davvero importante per la prossima primavera – annuncia Luciano – per ora non aggiungo altro”.


Fra il pubblico anche una rappresentanza della splendida Associazione collezionisti piatti del Buon Ricordo, nata nel 1977 e più che mai vitale nell’organizzare incontri conviviali e viaggi turistico gastronomici nelle varie regioni d’Italia, presso i ristoranti del Buon Ricordo.
Un fenomeno, anche solo questo, che rende unica la storica associazione.
La signora Rosy racconta di avere l’intera parete della cucina tappezzata di piatti, attraverso cui rivede luoghi, persone, momenti felici. Carlo che pure ha un numero importante di piatti, gli riconosce il potere di avere creato tanti e tanti momenti conviviali.
Rosy, Carlo e gli altri con loro sono collezionisti sì ma di emozioni: quelle che una cucina sincera sa regalare.

Simona Vitali

Print Friendly, PDF & Email