Guida ‘arancio’ 2020 di les Collectionneurs: ecco le nuove presenze italiane
29 Gennaio 2020
Grom, il grande freddo
29 Gennaio 2020

Olio Officina Festival, torna a Milano dal 6 all’8 febbraio

Due sono le mete importanti che Olio Officina Festival celebra quest’anno: 10 anni dalla sua nascita e 60 anni dalla creazione della categoria merceologica “olio extravergine di oliva”.

Due tappe fondamentale per la diffusione della cultura dell’olio di oliva, alimento/condimento universale che lega tra loro popoli e culture.

Proprio quest’ultimo aspetto sarà protagonista di Olio Officina Festival 2020, a Milano dal 6 all’8 febbraio prossimi tra i cortili storici del Palazzo delle Stelline di Corso Magenta.

L’Olio dei Popoli, infatti, sarà il tema dominante, come afferma il patron dell’evento Luigi Caricato: “Tutti gli oli del mondo sono buoni laddove c’è un olivicoltore che opera con professionalità realizzando prodotti di qualità. Non esistono discriminazioni né razzismo arrogante e dobbiamo costruire ponti invece che innalzare barriere. Per questo vogliamo, in quest’occasione, dare spazio e visibilità a oli differenti provenienti da Paesi stranieri con banchi d’assaggio e abbinamento coi cibi”.
Per il decennale della fondazione di Olio Officina, l’ingresso alla manifestazione sarà libero per dare modo a tutti di partecipare attivamente, godere delle installazioni artistiche a cura dello IED e assistere agli spettacoli e ai convegni organizzati nelle sale dove si svolgeranno anche le sessioni d’assaggio, in purezza e in abbinamento, dei diversi oli in proposta, unici ingressi soggetti a pagamento di una modesta quota di 5 euro, prenotabili sul sito di OOF dove è disponibile il programma completo dei 3 giorni.  

La celebrazione dei sessant’anni dall’introduzione della categoria merceologica “olio extravergine di oliva” sarà inoltre l’occasione per dibattere numerosi argomenti importanti come il dramma del sottocosto presso alcuni punti vendita, una piaga che riduce l’olio a una semplice commodity invece che riconoscergli le virtù di un functional food come meriterebbe e come è universalmente ritenuto. Nel corso di Olio Officina sarà elaborato un documento ufficiale da porre all’attenzione dei buyer della GDO nel quale saranno evidenziate le qualità nutraceutiche dell’olio messe in discussione e svilite da un marketing selvaggio e sconsiderato.

Anche la burocrazia italiana in merito all’olio sarà messa in discussione: sanzioni e minacce che inibiscono le aziende non fanno bene al comparto. Insieme a esperti legali delle organizzazioni di settore si analizzeranno il problema e le possibili soluzioni per affrontare le sfide di un mercato internazionale. Una di queste potrebbe essere l’adozione di un bollino internazionale per l’alta qualità degli oli extravergini di oliva, frutto della collaborazione tra i consorzi Ceq Italia e QVExtra.

Punti di forza per il successo di questa 3 giorni di diffusione della cultura dell’olio, saranno naturalmente i banchi d’assaggio nei quali si esploreranno vari modi e attitudini, abbinamenti e utilizzi con l’aiuto di esperti e analisti sensoriali.

Un posto privilegiato lo avranno gli oli esteri, per tenere fede al tema della manifestazione: Spagna, Turchia, Grecia, Tunisia e Marocco saranno ospiti insieme a Paesi più lontani come Australia e California, Cile e Argentina fino a Israele e Giappone. Un giro del mondo degli oli per conoscere e imparare ad apprezzare produzioni lontane o vicine che meritano attenzione e considerazione in un’ottica di collaborazione proficua.

Accanto a questi momenti d’assaggio ci saranno interessanti proposte di abbinamento culinario, mixology, salutismo e visioni gastronomiche nuove e attraenti con focus sulla ristorazione e sul turismo, sul ruolo della donna nell’olivicoltura e sulle nuove tendenze siano esse esempi di economia circolare o sostenibilità degli oli non da olive. Anche gli aspetti legati alla tecnologia, indispensabile per una produzione moderna, saranno evidenziati e sviscerati ampiamente.

Arte, cultura e conoscenza, spettacolo, protagonisti di spicco e molto di più ci attendono a Olio Officina Festival, appuntamento che da 10 anni porta alla ribalta le virtù di un alimento, l’olio di oliva, che nulla ha di scontato, molto ha da comunicare. Un happening della cultura olearia per tutti coloro che ne vogliono apprendere la storia, diffondere i pregi.
www.olioofficina.it

Marina Caccialanza

Print Friendly, PDF & Email