Social food

L’affermazione di Luigi Giudici – ad ogni lustro si cambia gusto – un cuoco che di cucine ne ha vissute tante nella sua vita professionale, mi è tornata in mente nei giorni in cui il mondo virtuale si divideva, come al solito, in due: pro o contro la pizza di Carlo Cracco. Una polemica sterile, costruita quasi ad arte da alcuni campioni della visibilità, che ha portato un solo risultato che lascio immaginare e molte inutili parole ad ingigantire la già esondante food-porn letteraria in cui ci troviamo a galleggiare.
Però quella frase – ogni lustro si cambia gusto – può servire a ricordarci che nulla è immobile e nulla è identico a ciò che era prima. Ricordate i tagliolini panna, prosciutto e piselli?
Se qualche chef mediatico li proponesse oggi, le grida virtuali salirebbero in cielo, tutti spinti a filosofeggiare sul valore intrinseco della tradizione e dei felici anni ’80 oppure “sull’affioramento ottenuto dalla fermentazione a bassissima temperatura delle muffe nobili della panna estratta con la tecnica dell’estrusione affinata in un viaggio nelle lande dell’est”.
Con un limite. Quello di parlare per sentito dire. Quello di scrivere senza aver assaggiato. Quello di criticare su prezzo, porzione, servizio senza aver mai varcato la soglia del locale o la cucina dello chef in questione.
Basta! Non se ne può più!
Tornino a parlare solo coloro che lo fanno a ragion veduta, con prove di assaggio alla mano e non solo giudizi appesi a una fotografia bruttina e, comunque, non mangereccia.
Quando leggerete questo pezzo la polemica sulla pizza di Cracco sarà già stata archiviata, senza nulla lasciare. Eppure potrebbe avere un merito: far riflettere proprio sul cambio di gusti, di mentalità, di approccio al cibo. Sarebbe stato interessante capire cosa ci sta dietro a quella pizza; se c’è stata ricerca o semplice assemblaggio di materie prime. Invece il nulla.
Attorno a noi il cibo sta cambiando, lo ha sempre fatto e ancora adesso pochi ne parlano. Fino a dieci anni fa si andava al ristorante con un solo intento: mangiare. Oggi, invece, si parla di esperienza. Benissimo, ma di quell’esperienza cosa rimane nella cultura di una persona, nell’identità di un territorio, nella conoscenza della materia? Sono queste le cose di cui pochi, troppo pochi, parlano.
Restituiamo alla cucina, al cibo, la sua componente di serietà: con questo non voglio dire che non ci si debba divertire attorno ad un piatto, ad una ricetta, ad una sperimentazione con gli ingredienti. Anzi, ben vengano tutti i tentativi, ma quelli non riusciti archiviamoli per favore. Per tornare a capire, tutti, il valore da attribuire a un alimento, a una ricetta, a un’esperienza.
La ristorazione in Italia sta cercando una sua identità, dividendosi sulla difesa strenua della tradizione rispetto a un’innovazione che naviga forse un po’ troppo a vista. Noi crediamo che, proprio per la ricchezza della biodiversità dei prodotti, per i mille e mille campanili sotto cui si riassumono le infinite varianti di un piatto, la ricerca possa riassumersi sotto una sola parola: semplicità.
Praticare la semplicità è forse l’azione più difficile che ci sia in cucina, ma il lustro che ci attende va proprio in quella direzione.

Luigi Franchi

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
10 aprile 2018

Ogni lustro si cambia gusto

Restituiamo alla cucina la sua componente di serietà per tornare a capire, tutti, il valore da attribuire a un alimento, a una ricetta, a un’esperienza
15 marzo 2018

DOOF: “Chi non sa, non vede”

Le parole di Alessandra Dolci, coordinatrice distrettuale antimafia, sono rimaste scolpite nella memoria di tutti i presenti, tanti e attenti. Si riassume in questo semplice e, […]
1 marzo 2018

Online il nuovo sito di Cateringross, il primo consorzio distributivo nel food service

Cateringross è un’azienda con una elevatissima capacità di fare massa critica sul mercato della distribuzione verso il canale food service: in tutto 41 aziende associate, dal […]
4 dicembre 2017

sala&cucina: in distribuzione il numero di dicembre

In questo numero: intervista con Gianfranco Pascucci e Vanessa Melis di Pascucci al Porticciolo; conversazione con Vincenzo Donatiello, miglior maitre d’Italia, di Piazza Duomo di Alba; […]
13 novembre 2017

La Scuderia di Bologna diventa Future Food Urban Cool Lab

“In Italia si fa fatica a fare una start up sul cibo e allora noi diamo la possibilità a chi ha un progetto, di testare qui, […]
9 ottobre 2017

Pummà a Milano

L’innovazione in pizzeria è un trend in continua evoluzione. Da piatto povero della tradizione la pizza è ormai diventata proposta gourmet che unisce alta cucina e […]
3 ottobre 2017
Benedetta blog

Foodblogger non morde Foodblogger

In questi ultimi mesi, nel magico mondo del food, c’è agitazione. Mi riferisco in particolare al fenomeno che si registra da alcuni anni, definito “foodblogger” o […]
29 agosto 2017
I giudici di Top Chef Italia

Top Chef Italia: i 16 concorrenti

Manca poco alla seconda edizione di Top Chef Italia, il talent show culinario in onda su Canale NOVE da giovedì 7 settembre. L’edizione dello scorso anno […]
28 giugno 2017

DOOF: buona la prima!

Quando Valerio Massimo Visintin chiese a Samanta Cornaviera e al sottoscritto di condividere il progetto DOOF, oltre ad esserne lusingato, ho pensato che fosse impazzito e […]
19 giugno 2017

Open Campus

“Open Campus nasce da un momento di sconforto dovuto al fatto che non riuscivamo a trovare personale di sala qualificato” esordisce con queste parole Giovanni Fiorin, […]
14 giugno 2017

Print Advertising nel Food Marketing: comunicare la qualità

Il cibo è sempre più protagonista nei mercati nazionali e internazionali. La domanda di prodotti d’eccellenza, che abbiano caratteristiche esclusive, è in costante crescita. Non sempre, […]
8 marzo 2017

I Social, pochi ma buoni e ben curati

In un articolo precedente abbiamo raccontato del Meeting dei giovani di Cateringross, un appuntamento annuale coordinato da Mauro Entradi, consulente del gruppo cooperativo, che ha lo […]
16 gennaio 2017

Ordinare al ristorante con il cellulare

A chi non è capitato almeno una volta di attendere a lungo al tavolo di un ristorante, l’arrivo del cameriere per l’ordinazione? Può succedere. Molteplici le […]