giuseppe capano

L’analisi di un mercato profondamente cambiato nel corso degli ultimi 30 anni e un progetto culturale che punta a riunire gli attori della filiera per uno scopo comune: comunicare e diffondere la percezione della qualità dell’olio extravergine di oliva per tutelare il valore del lavoro, migliorare la qualità di vita del consumatore e difendere il made in Italy. Questi gli obiettivi principali di Olio Officina Food Festival, presentati a Milano dal suo ideatore e patron Luigi Caricato.

Dal 23 al 25 gennaio prossimi al palazzo delle Stelline di Milano si svolgerà la terza edizione il cui tema portante sarà l’anima sociale dell’olio e del cibo; un progetto culturale in concomitanza con l’Anno dell’Agricoltura Familiare proclamato dall’ONU per il 2014. Ospite d’onore del Festival sarà quest’anno il COI, International Olive Council, che riunisce produttori, consumatori e operatori del settore. Molte le novità in programma, dal focus dedicato alle olive da tavola alla giornata dell’aceto balsamico di Modena Igp e Dop; dall’area cooking dove si susseguiranno dimostrazioni e workshop per imparare a usare l’olio in maniera innovativa in cucina – da non perdere le lezioni dello chef indiano Shekar Reikhi che proporrà originali abbinamenti tra olio e arance – all’area bambini, perché l’educazione alimentare deve partire dai piccoli e quale alimento potrebbe, meglio dell’olio di oliva con le sue peculiarità di functional food, insegnare i valori di una dieta corretta?

Non mancheranno temi forti legati alla salute secondo un approccio sportivo o olistico: l’olio fa bene e aiuta a preservare il benessere fisico e psicologico, e vedremo come e perché. Ma si affronteranno anche argomenti legati al paesaggio, all’interpretazione artistica, all’etica dell’agricoltura, alla controversa legislazione in merito all’etichettatura, al futuro della diffusione nel mondo della cultura dell’olio. A proposito di quest’ultimo è stato citato l’esempio del recente avvio di un interessante progetto del Consorzio Extravergine di Qualità rivolto al mercato giapponese. L’olio EVO italiano scopre un nuovo concept e un nuovo marchio di garanzia per trasmettere il valore e l’identità del prodotto italiano.

La cucina avrà come sempre un ruolo chiave per insegnare i segreti di un corretto impiego dell’olio con l’aiuto di alcuni tra i migliori chef da Aimo Moroni a Matteo Scibilia, da Giancarlo Perbellini a Giuseppe Capano e molti altri, che aiuteranno il pubblico ad approfondire la conoscenza dell’olio e delle sue peculiarità per imparare a costruire le ricette e a definire le corrette modalità d’uso sfruttando così nel migliore dei modi le sue straordinarie doti.

 

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print
image_pdfimage_print
16 gennaio 2014

Oli da olive, cibo per il palato e per la mente

L’analisi di un mercato profondamente cambiato nel corso degli ultimi 30 anni e un progetto culturale che punta a riunire gli attori della filiera per uno […]
2 gennaio 2014

Olio Officina Food Festival 2014. Olio e cibo hanno (sono?) anima sociale

Per il programma ufficiale dovremo attendere la consueta conferenza stampa prevista per metà gennaio, ma intanto qualche indiscrezione Luigi Caricato ce la concede volentieri. Torna infatti, […]
24 giugno 2013

Luigi Caricato presenta“I mille volti degli oli di oliva”

Si terrà domani a Milano presso l’Ufficio del Parlamento europeo un importante incontro dedicato al mondo degli oli da oliva. “I mille volti degli oli di […]