Bocuse d’Or Europa: vince la Norvegia, Italia in finale a Lione

SANA 2018: il Salone cresce insieme al comparto del biologico italiano
12 giugno 2018
Ghiaccio alimentare: la corretta prassi per evitare contaminazioni
13 giugno 2018
image_pdfimage_print

Venti squadre per altrettante nazioni si sono incontrate a Torino per la finale del Bocuse d’Or Europa, ultima prova prima di affrontare la finale del concorso più ambito tra gli chef di tutto il mondo; a conquistare il podio sono state: Norvegia, medaglia d’oro, Svezia, medaglia d’argento, e Danimarca, medaglia di bronzo.
In finale però andranno anche: Belgio, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Islanda, Italia e Ungheria.
Ideato da Paul Bocuse il concorso si svolge ogni due anni a Lione, a gennaio in occasione di Shira, e ci si arriva dopo diverse fasi eliminatorie che si svolgono nei diversi continenti.
Quest’anno la finale europea è stata ospitata per la prima volta in Italia, grazie all’impegno dell’ Accademia Bocuse d’Or Italia presieduta dallo chef Enrico Crippa e al sostegno di molti sponsor e istituzioni.


A rappresentare l’Italia a Torino e nella finale di Lione è lo chef Martino Ruggieri, chef pugliese che lavora a Parigi, come chef adjoint al ristorante Ledoyen Pavillion, 3 stelle Michelin, accanto a Yannick Alléno. Martino Ruggieri aveva vinto, lo scorso anno, la finale italiana del Bocuse d’Or ed ora si accinge ad affrontare la prova più impegnativa, affiancato da Giancarlo Perbellini del ristorante Casa Perbellini, Luciano Tona, direttore dell’Accademia Bocuse d’Or Italia, il coach francese François Poulain, il commis belga Curtis Clément Mulpas, sempre del ristorante Ledoyen di Parigi.
Siamo con te Martino!

Luigi Franchi

image_pdfimage_print