Il Lambrusco Galletto Rosso, a firma Asveri e Siliprandi

red-krowa
Red Krowa. Una carne polacca equilibrata e dal sapore intenso
16 luglio 2018
Il Mondo del Gelato: il nuovo libro di Roberto Lobrano
17 luglio 2018
image_pdfimage_print

Di incontri tra arte e vino ne abbiamo vissuti molti e, quasi sempre, di grande spessore: etichette firmate e numerate da artisti di fama internazionale; vigne che accolgono opere d’arte; salotti letterari in vigna e in cantina; artisti stessi che diventano vignaioli e viceversa.
Ma vedere un gallo posare in uno studio pittorico, con due artisti che lo ritraggono per dedicargli l’etichetta, questo non ci era ancora capitato.


Sta in questo la genialità del progetto con cui Beppe Siliprandi– artista, contadino e, per mestiere, selezionatore di eccellenze enogastronomiche – ha deciso di nobilitare un vino, il Lambrusco, e un gallo: il suo prediletto, di nome Pippo.
E lo ha fatto cercando la complicità di un altro artista, Gianfranco Asveri, che lo fa di professione e passione da sempre.
Le opere di Asveri sono esposte in molte parti del mondo, in collezioni private, gallerie e musei, ma la vera sua opera è stanziale, inamovibile, per vederla e restarne affascinati bisogna andare a casa sua, nel suo studio: una stanza dove i quarant’anni del suo essere artista si sono accatastati in tubetti vuoti di olio e di acrilico, in matite e pastelli spuntati e consunti, in stracci induriti di colore, fino a formare una sola straordinaria opera d’arte.
In questo studiolo ha posato il gallo Pippo, per il ritratto che gli ha fatto Beppe Siliprandi e i contorni coloratissimi di Gianfranco Asveri che adornano etichetta e scatole da sei bottiglie del Lambrusco IGT Emilia Galletto Rosso.


“Voleva essere un divertimento – confessa Beppe Siliprandi – al punto che le scatole sono riciclate da altri vini e noi le abbiamo semplicemente rivestite con due opere a nostra firma. L’etichetta, invece, è in rilievo nei segni di colore di Asveri”.
Un divertimento che ha significato 1.500 bottiglie andate a ruba e una prossima produzione di altre 9.000!
Per assaggiarlo, sembra persino più buono, vi consigliamo: L’Antica Bottega del Vino a Verona, l’Antica Corte Pallavicina a Polesine P.se dai fratelli Spigaroli, il KM 90 a Fidenza (PR) e l’Osteria di Fornio, sempre in terra fidentina.
Oppure prenotarlo. Per tempo!

Per info: Beppe Siliprandi 333 4656425

Luigi Franchi

Foto di Gianfranco Negri

image_pdfimage_print