Il Panettone – unico e infinito – Secondo Caracciolo

Barbara Settembri: sacrifico il mio stipendio per pagare i miei collaboratori
3 ottobre 2018
gigiacomo-andrea-besuschio
Pasticceria Besuschio: sei generazioni di padre in figlio
5 ottobre 2018
image_pdfimage_print

È Ottobre e si comincia a parlare di panettoni. Veramente non abbiamo mai smesso negli ultimi anni. Ed ecco che le manifestazioni dedicate al dolce da ricorrenza – ops! non è più un dolce da ricorrenza – più popolare si moltiplicano, crescono in gradimento e coinvolgono sempre più operatori e consumatori.

Del resto i numeri parlano chiaro: il panettone o almeno i lievitati che ad esso si ispirano, crescono nei consumi in tutto il mondo. In Italia, ovviamente, dove tra prodotti artigianali e industriali le percentuali sarebbero raddoppiate negli ultimi anni, ma anche all’estero. Pare che negli Stati Uniti sia panettonemania e un vero e proprio boom anche in sudamerica.
Quest’anno il Panettone Secondo Caracciolo – a proposito il nome viene dalla prima sede dove si è svolto, l’esclusivo hotel Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel a Napoli – in programma il prossimo 7 Ottobre, giunto alla sua terza edizione, si arricchisce di specializzazione e partecipanti e attribuirà nel corso dell’esclusiva serata che si svolgerà a Villa Fenaroli alle porte di Brescia ben cinque riconoscimenti: Miglior Panettone Foodblogger, Miglior Panettone tradizionale, Miglior Panettone al cioccolato, Miglior Packaging e Premio Caracciolo. La manifestazione si svolgerà con due momenti interessanti e formativi. I Maestri Iginio Massari, Davide Comaschi e Achille Zoia, con altri relatori, tratteranno il tema della qualità e degli ingredienti e Davide Comaschi, direttore della Chocolate Academy Barry Callebaut di Milano interverrà in particolare sull’utilizzo del cioccolato nella lavorazione dei lievitati. Due approfondimenti che sicuramente susciteranno grande interesse nel pubblico.

 

 

Concluse ormai le valutazioni eliminatorie, il gran giorno la giuria composta di maestri pasticceri di altissimo profilo avrà i compito di valutare i panettoni, artigianali classici o al cioccolato, proposti dai partecipanti.
La stessa giuria esporrà il suo giudizio per i panettoni “amatoriali” preparati dai foodblogger, prodotti che da indiscrezioni trapelate pare non abbiano nulla da invidiare a quelli dei professionisti.

Testimonial alla presentazione della manifestazione i pasticceri Vincenzo Tiri e Giancarlo De Rosa hanno dato una dimostrazione pratica di come lo stesso prodotto, interpretato e mirabilmente eseguito, possa offrire sfumature aromatiche ed emozioni sensoriali diverse, possa essere personalizzato e perfezionato, dimostri ogni volta quel valore di artigianalità che solo una lavorazione sapiente e una passione infinita possono offrire. Il panettone è unico e infinito, ecco perché ogni evento a lui dedicato è un successo.
Diamo, dunque, il via alla stagione del panettone; l’occasione è ghiotta, il prestigio dell’evento invita a non perderlo, Villa Fenaroli ci aspetta.

Tutte le informazioni su www.ilpanettonesecondocaracciolo.it

Marina Caccialanza

image_pdfimage_print