Riu.Saggio- L’alternativa allo spreco alimentare

Scaccomatto agli Orti: la rassegna estiva con la cucina di Mario Ferrara
4 maggio 2018
Un Panino buono, il Panino Solidale
6 maggio 2018
image_pdfimage_print

Tema di quest’anno “Riu.Saggio- L’alternativa allo spreco alimentare”, argomento di grande attualità e di riflessioni per un uso consapevole e sostenibile del cibo. Come ha affermato Giuseppe Schipano, direttore della scuola, “un tema importante frutto di un anno di lavoro, iniziato dai primi di ottobre, diventato la quotidianità degli allievi“. Una questione cara a molti, soprattutto ai grandi chef che negli ultimi anni hanno realizzato un sogno, con progetti concreti, di fare alta gastronomia con meno spreco e più cibo per tutti.

Ha aperto il saggio, dando il benvenuto agli invitati, il presidente dello IAL Emilia Romagna Francesco Falcone, dicendo che “il riuso del cibo ci porta a evitare gli sprechi e a usare solo quello che è necessario” aggiungendo che “bisogna mantenere sempre un senso etico in quello che si fa, e il compito della scuola Alberghiera di Serramazzoni è proprio quella di preparare gli alunni non solo professionalmente ma anche umanamente”.

Infatti, la scuola Alberghiera ha aderito da qualche tempo al progetto Food For Soul, il cibo per l’anima, di Massimo Bottura dell’Osteria Francescana di Modena, che insieme alla moglie Lara, è impegnato anche a creare cucine di comunità. Un progetto culturale, quello dei refettori di Bottura, per combattere lo spreco alimentare, cucinare con quello che si ha, per donare dignità con il cibo a chi è in difficoltà. Gli allievi del quarto anno Tecnico di cucina, grazie a quest’adesione, hanno avuto la possibilità, pochi giorni fa a Milano, di partecipare con la scuola all’evento Respect Food del progetto Food For Soul e affiancare grandi chef da Cracco, Cerea, Perdomo, Guida e Bottura.

Custodi di questa esperienza unica, gli allievi, quindi, al pranzo di gala con grande maestria e consapevolezza, hanno saputo ancor di più, proporre assieme ai propri insegnanti, il riuso degli ingredienti con un’attenzione particolare alla gestione degli sprechi preparando delle gustose ed elaborate portate da gourmet. Dall’‘aperitivo al menù, una delizia di piatti per la vista e il gusto, dal consommé con la polpetta di bollito, alla pasta mista gratinata su spuma di formaggi e polvere di prosciutto di Modena DOP, alla pappa al pomodoro con gelato di pane e basilico genovese DOP soffiato, allo “spezz..iato di carni” con yogurt e foglie di mais, all’orto dei sapori come dessert, accompagnati da ottimi vini.

Nel corso del saggio finale, sono stati premiati i migliori allievi della scuola alla presenza dei propri genitori, Sara Baraccani del secondo anno IeFP, Erika  Battistini del terzo anno IeFP, Beatrice Zanaglia del quarto anno Tecnico di cucina uno, Simone Biancofiore quarto anno tecnico di cucina due, Elettra Orsi quarto anno tecnico dei servizi di sala e bar.

Miglior allievo della scuola si riconferma per il secondo anno consecutivo Beatrice Zanaglia, cui hanno fatto seguito un lungo applauso e i complimenti da parte di tutti.

Alessio Covella, Matteo Di Pietro, Carlo Bergonzi e Alessandro Ruggeri sono assegnatari di borse di studio per la realizzazione di uno stage formativo all’estero, nell’ambito del programma “Erasmus Mobilità per l’apprendimento individuale”, mentre Elettra Orsi andrà in Spagna e Dan Nicolae Vlas in Portogallo con il progetto Taste IT.

Molti gli ospiti invitati intervenuti, Luciana Serra del Consiglio Regionale ER, Roberto Rastelli direttore della Guida Michelin Italia, Enrico Bergonzi di Al Vèdel di Colorno, Rino Duca del Grano Di Pepe di Ravarino, Rita Ronchetti sommelier AIS, il Gran Maestro della Consorteria Maurizio Fini, Enrico Corsini presidente del Consorzio tutela ABTM, William Ballotta segretario generale CISL ER.

Brigida Rago

Foto di Giacomo Maestri

image_pdfimage_print