Cerca

Premi INVIO per cercare o ESC per uscire

Il selvatico di pregio

14/03/2013

Il selvatico di pregio
“Selvatico di pregio: valli, pinete e mare nel ravennate” è il tema che ha aperto il ciclo di incontri sui prodotti locali, organizzato dall’Accademia Italiana della Cucina. La presentazione dell’iniziativa, e del relativo programma fu lanciata nel novembre scorso alla presenza dell’assessore alle attività produttive del Comune di Ravenna, Massimo Cameliani, che ne mise in evidenza l'importanza evidenziando il fatto che “si inserisce perfettamente nel percorso di valorizzazione del prodotto tipico e di stagione che l'amministrazione comunale sta portando avanti attraverso il Madra, il Mercato Contadino e i Gruppi di azione locale in cui l'amministrazione ha aderito”. Gli incontri sono proseguiti per tutto l’inverno fino ad arrivare all’appuntamento di sabato 16 marzo, presso il Grand Hotel di Rimini, al convegno organizzato dall’Accademia Italiana della Cucina sul tema: Selvatico di pregio, viaggio nella cucina adriatica del pesce e delle erbe spontanee. Il convegno ha inizio alle 10 con i saluti delle autorità accademiche e alcune relazioni scientifiche tenute da: Marco Dalla Rosa e Corrado Piccinetti dell’Università di Bologna, Silvia Barzacchini, psicologa dei disturbi alimentari, lo storico dell’alimentazione professor Massimo Montanari e Giuseppe Benelli, presidente del Premio Bancarella. Il convegno è moderato dal giornalista Giuseppe Gonni. Durante il convegno verrà proiettato il video dell’accademico Franco Chiarini: Flora edule spontanea. A seguire una tavola rotonda che affronta “Selvatico di pregio o di pregio in quanto selvatico” che vede protagonisti: Lucia De Nicolò - Università di Bologna, Marco Zanasi - Università di Tor Vergata, Massimo Coccia - Presidente Federcoopesca, Piero Meldini - Scrittore e storico della cucina, Mauro Uliassi - Maestro di cucina, Igles Corelli - Presidente CheftoChef emiliaromagnacuochi. La chiusura dei lavori, a cui segue la conviviale accademica, è affidata al professor Giovanni Ballarini, presidente dell’Accademia Italiana della Cucina.

Luigi Franchi

Photo by Altissimoceto.net